Contributi e finanziamenti

sdfsdfs

Martedì 27 Luglio 2021

Bando "Aggregazioni R and S"

Il Bando "Aggregazioni R&S" intende contribuire alla competitività e alla crescita economica del territorio valdostano generando ricadute positive sulla qualità del sistema della ricerca e sulla crescita e l’occupazione delle imprese e, in particolare, a:

  • valorizzare e rafforzare l’intera filiera della ricerca e la cooperazione tra i centri di ricerca e le imprese, nonché tra le imprese tra loro, soprattutto tra quelle di grandi dimensioni e quelle più piccole;
  • favorire la collaborazione e il trasferimento di conoscenze tra centri di ricerca e imprese;
  • fornire prospettive occupazionali, in particolare ai giovani.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda le piccole, medie e grandi imprese industriali che esercitano un’attività diretta alla produzione di beni e/o servizi, che abbiano almeno 10 dipendenti se presentano progetti individuali, e che abbiano un numero di dipendenti non inferiore a 5 ciascuna, se presentano progetti in collaborazione fra loro.

Inoltre, possono presentare domanda:

  • i consorzi di ricerca fra imprese industriali con almeno 5 dipendenti propri;
  • le reti di impresa senza soggettività giuridica operanti nelle attività di ricerca e sviluppo, composte da almeno 3 imprese industriali con almeno 5 dipendenti ciascuna;
  • le reti di impresa con soggettività giuridica operanti nelle attività di ricerca e sviluppo, con almeno 10 dipendenti propri, se presentano progetti individuali, o 5 dipendenti propri, se presentano progetti in collaborazione, e composte da almeno 3 imprese industriali;
  • i centri di ricerca con almeno 5 dipendenti.

Ciascuna impresa deve possedere, alla data di presentazione della domanda, tutti i requisiti di ammissibilità indicati all'articolo 6 del Bando.

I beneficiari devono avere, prima della liquidazione del contributo (anche a titolo di anticipo), un’unità produttiva/operativa nel territorio regionale, il progetto deve essere realizzato prevalentemente in Valle d’Aosta e le spese sostenute devono essere relative all’unità produttiva/operativa valdostana.

Oggetto dell'intervento

Il Bando prevede il finanziamento di Progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale che riguardino uno dei seguenti ambiti tecnologico-applicativi che fanno parte della S3 Valle d’Aosta:

  1. Consolidamento/rilancio industria esistente (Acciai Speciali, Meccanica, Automotive, Elettronica, Sistemi ICT) i cui progetti dovranno sviluppare tecnologie, coordinate o complementari fra loro, finalizzate a sviluppare nuovi processi produttivi per l’industria 4.0, con il supporto di Big data, Additive manufacturing, Internet of things, Cloud, advanced automation, Advanced human machine interface, intelligenza artificiale, o a realizzare nuovi prodotti o servizi;
  2. Tecnologie per la montagna (Sicurezza e Monitoraggio del Territorio, Networking/Smart Cities, Produzioni per la Montagna, Sistemi e Applicazioni per biglietteria e controllo accessi su smart-phone, Mobile-Apps specializzate per info e prenotazioni sui comprensori, Sistemi in rete tra operatori, Mobile-Apps specializzate per escursionisti, Applicazioni per il controllo e la tutela delle aree naturalistiche, Sistema dei BBCC) i cui progetti dovranno sviluppare tecnologie o servizi specifici, coordinati o complementari fra loro, per l’ambiente montano oppure adattati all’applicazione in ambiente montano;
  3. Energia (Applicazioni e sistemi per la generazione distribuita, la cogenerazione/trigenerazione di energia, specialmente nel campo delle biomasse e del mini e micro-idro per la gestione sostenibile delle risorse naturali, Tecnologie per la distribuzione e per l’accumulo di energia, Realizzazione e gestione di sistemi tecnologici avanzati per la riduzione dell’intensità energetica delle attività produttive, Servizi di energy management, Tecnologie per l’autoconfigurazione degli impianti, Illuminazione pubblica per gestione e fornitura di nuovi servizi) i cui progetti dovranno sviluppare tecnologie, coordinate o complementari fra loro, coerenti con il sistema energetico regionale e finalizzate alla gestione intelligente dell’energia e alla generazione di energia da fonti energetiche rinnovabili.

I progetti devono avere durata di 12, 18 o 24 mesi, devono presentare un TRL finale almeno pari a 6 e devono, quindi, prevedere una o più fasi di sviluppo sperimentale, giungendo alla realizzazione di un prototipo

Le grandi imprese devono prevedere la presenza di almeno 2, e non più di 3, apprendisti di alta formazione e ricerca, oppure possono assumere, prima dell’avvio del progetto, almeno 2 dipendenti aggiuntivi qualificati dedicati all’attività di ricerca con un contratto a tempo pieno di durata almeno pari a quella del progetto. Le piccole e medie imprese possono inserire fino a 3 apprendisti di alta formazione e ricerca.

Disponibilità finanziaria, intensità e ammontare dei contributi

Il Bando dispone di un ammontare di risorse pari a euro 6.709.969,08 (in parte comunitarie e in parte regionali), di cui euro 6.109.969,08 per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale ed euro 600.000,00 per il finanziamento dei progetti di coordinamento.

Valutazione delle domande

L’iter di valutazione sarà suddiviso in due fasi:

  1. valutazione dell’ammissibilità formale della domanda;
  2. valutazione tecnico-finanziaria del progetto presentato e assegnazione del punteggio.

La valutazione tecnico-finanziaria sarà effettuata da una Commissione, composta da almeno 3 esperti. Al termine della valutazione, verrà redatta, dalla Commissione, la graduatoria in base al punteggio totale ottenuto da ciascun progetto secondo i criteri di valutazione di cui all’articolo 25.

Presentazione delle domande

Le domande di contributo relative ai Progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale e i relativi allegati devono essere presentate online sul sistema informativo SISPREG2014, accessibile al seguente indirizzo www.regione.vda.it/europa/SISPREG2014/default_i.aspx utilizzando l’apposito formulario, entro le ore 14 del 30 settembre 2021 previa procedura di registrazione degli utenti e accreditamento delle imprese, seguendo le indicazioni riportate, nell’applicativo medesimo, alla sezione “Attivazione impresa/ente pubblico”.

Per qualsiasi richiesta di

  • assistenza tecnica nell’utilizzo del sistema informativo SISPREG2014 è possibile chiamare il numero verde 800 610 061, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 17.30, oppure inviare una e-mail a infoservizi@regione.vda.it, mentre,
  • assistenza amministrativa, anche finalizzate alla corretta predisposizione della domanda, è possibile chiedere chiarimenti alla Struttura Ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico - Ing. Giorgio D'Andrea - tel. 0165 274594 – g.dandrea@regione.vda.it

I beneficiari che avranno ottenuto il finanziamento per progetti che si riferiscono al medesimo ambito tecnologico-applicativo dovranno scegliere un unico soggetto coordinatore che dovrà presentare, entro 60 giorni dalla comunicazione di ammissione della graduatoria, il progetto di coordinamento. Tali domande dovranno essere presentate a mezzo PEC all’indirizzo industria_artigianato_energia@pec.regione.vda.it, utilizzando l’apposito formulario disponibile negli allegati.

Ufficio regionale di riferimento

Struttura ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico - Piazza della Repubblica, 15 - Aosta

Referenti

Maggiori dettagli e il bando completo sono disponibili sul sito della Regione Valle d'Aosta al seguente link.

Relativamente alle ricadute transnazionali del progetto di ricerca verrà attribuito un punteggio aggiuntivo alla capacità della proposta di attivare reti di collaborazione a livello internazionale (accordi con imprese estere o organismi di ricerca esteri) con particolare riferimento alle regioni PACA e Rhone-Alpes, di cui al Progetto "CIRcuItO - Competitività ImpRese InnOvazione" (CUP B68H18014380007 - Progetto N. 4071), compreso nel Piano Integrato Tematico Clip "Cooperazione per l'innovazione applicata", finanziato dal Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Alcotra 2014/20 (FESR).  

 

LINK

Ultima modifica: Martedì 27 Luglio 2021
Mercoledì 5 Maggio 2021

Disponibile la brochure: The EU’s 2021-2027 long-term budget & NextGenerationEU

E' disponibile l'utilissima brochure che riepiloga gli aiuti UE all'economia colpita dal Coronavirus.
Al centro c'è il pacchetto di sostegno del valore complessivo di 2.018 trilioni di euro a prezzi correnti (1.8 trilioni di euro a prezzi del 2018) composto da bilancio a lungo termine dell'UE per il periodo 2021-2027 di 1.211 trilioni di EUR (1.074 trilioni di EUR a prezzi 2018) e da 806,9 miliardi di EUR (750 miliardi di EUR a prezzi 2018) tramite NextGenerationEU, uno strumento temporaneo per alimentare la ripresa. 
 
In poche pagine è possibile trovare un riepilogo efficace delle risorse a disposizione per i prossimi sette anni, divise per priorità e relativi programmi:
Ultima modifica: Mercoledì 5 Maggio 2021
Venerdì 18 Dicembre 2020

Pubblicato in Gazzetta il decreto Smart Money: 9,5 milioni di euro per le start-up innovative

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dello sviluppo economico che definisce le modalità attuative degli interventi agevolativi in favore delle start-up innovative, previsti dal Decreto Rilancio.

Sono 9,5 milioni di euro le risorse disponibili per la concessione di contributi a fondo perduto finalizzati all’acquisizione di servizi prestati da parte di incubatori, acceleratori, innovation hub, business angels e altri soggetti pubblici o privati operanti per lo sviluppo di imprese innovative.

L’obiettivo è sostenere le spese connesse alla realizzazione di un piano di attività e di sviluppo, nonché favorire investimenti nel capitale di rischio delle start-up innovative.

I termini di apertura dello sportello per la presentazione delle domande saranno comunicati con un successivo provvedimento.

 

Per maggiori informazioni

Ultima modifica: Venerdì 18 Dicembre 2020
Martedì 15 Dicembre 2020

100 milioni di euro stanziati per la Digital Transformation delle PMI

DIGITAL TRANSFORMATION
Per favorire la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi

Cos'è
Digital Transformation è l'incentivo che favorisce la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese. Istituito dal Decreto Crescita, è promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e gestito da Invitalia. La dotazione finanziaria è di 100 milioni di euro.

Cosa finanzia
Sono finanziabili le tecnologie previste da Impresa 4.0 e quelle relative a soluzioni digitali di filiera.

Le agevolazioni
Gli incentivi vengono concessi sotto forma di contributi e finanziamenti agevolati.

Presentazione domanda
Le domande possono essere presentate online dal 15 dicembre 2020. La valutazione avviene in base all'ordine cronologico di presentazione.

 

PER APPROFONDIMENTI

  • Sito del Ministero dello Sviluppo Economico per dettagli e informazioni sull'incentivo
  • Decreto direttoriale 1 ottobre 2020 con il quale sono stati definiti, i termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazioni, i punteggi, le condizioni e le soglie minime di ammissibilità delle stesse domande, nonché criteri per la determinazione e la rendicontazione delle attività e dei costi ammissibili, gli oneri informativi a carico dei soggetti proponenti e gli ulteriori elementi utili a definire la corretta attuazione dell’intervento agevolativo.
  • Sito di INVITALIA per consultare FAQ, trovare tutte le informazioni utili e presentare domanda
Ultima modifica: Martedì 22 Dicembre 2020
Mercoledì 9 Dicembre 2020

Economia circolare: 217 milioni di euro di agevolazioni

ECONOMIA CIRCOLARE
Sostegno alla riconversione produttiva per un migliore utilizzo delle risorse

Cos'è
Economia Circolare è l’incentivo che favorisce la riconversione delle attività produttive verso un modello di economia che mantiene il più a lungo possibile il valore dei prodotti, dei materiali e delle risorse e che riduce al minimo la produzione di rifiuti. Con una dotazione di 217 milioni di euro, la misura è stata attivata dal Ministero dello Sviluppo economico ed è gestita da Invitalia.

A chi è rivolto
L’incentivo è rivolto a imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria e centri di ricerca.

Cosa finanzia
Attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale per la realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o per il notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti.

Presentare la domanda
È possibile presentare la domanda dal 10 dicembre 2020 utilizzando la procedura informatica messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo economico.

Avviso 7 dicembre 2020
Il Ministero dello sviluppo economico comunica alle imprese interessate che, nell’ambito dell’intervento a sostegno dei progetti di ricerca e sviluppo finalizzati alla riconversione produttiva nell’ambito dell’economia circolare di cui al D.M. 11/06/2020, con decreto direttoriale 7 dicembre 2020 il modello di attestazione della disponibilità a concedere il finanziamento da parte delle banche finanziatrici convenzionate di cui all’allegato n. 2) all’addendum del 16 novembre 2020 alla Convenzione FRI, nelle more di chiusura dello sportello, potrà essere presentato entro e non oltre i 30 giorni lavorativi di presentazione della domanda di accesso, pena l’inammissibilità.

PER APPROFONDIMENTI

Ultima modifica: Venerdì 18 Dicembre 2020
Giovedì 3 Dicembre 2020

Estensione del bonus per nuovi operatori economici

Nell’ambito dell’approvazione del Disegno di legge regionale n. 5/2020 è stato approvato un emendamento che, in considerazione della perdurante emergenza epidemiologica da COVID-19, estende  il bonus/contributo a fondo perduto di cui all’articolo 50 della legge regionale 8/2020, anche alle imprese, iscritte al Registro delle Imprese, con sede legale o operativa in Valle d’Aosta e agli esercenti attività professionali titolari di partita IVA, attivi a partire dal 10 marzo 2020, a condizione che risultino tali dal 3 novembre 2020 e al momento della presentazione della domanda.

Il contributo è concesso a domanda, da presentarsi entro il 13 dicembre 2020, in misura pari ad euro 3.000. Qualora il beneficiario del bonus abbia sostenuto costi per il pagamento di canoni di locazione o di concessione di immobili a uso non abitativo o di affitto di azienda, destinati allo svolgimento dell’attività di impresa, in almeno uno dei mesi del 2020 che precedono quello di presentazione della domanda, ha diritto a un incremento del 10% del valore del bonus.

Ulteriori informazioni saranno reperibili nei prossimi giorni sul sito internet dell’Amministrazione regionale www.regione.vda.it

Ultima modifica: Mercoledì 20 Gennaio 2021