Le Sanzioni Registro imprese

(artt. 2194, 2630, 2634 codice civile)
Queste sanzioni vengono applicate a diversi soggetti tenuti a richiedere un'iscrizione o ad effettuare un deposito nel registro imprese, ed in particolare:

  • l'imprenditore individuale è soggetto alla sanzione quando la richiesta è effettuata oltre i 30 giorni dall'evento, così come previsto dall'art. 2196 c.c. per le iscrizioni in sezione ordinaria, e dall'art. 18 del D.P.R. 581/95 per le iscrizioni in sezione speciale
  • gli amministratori delle società semplici sono soggetti alla sanzione quando le richieste sono effettuate oltre il termine di 30 giorni dalla costituzione o dalla modificazione dell'atto costitutivo, così come previsto dall'art. 18 del D.P.R. 581/95
  • gli amministratori delle società in nome collettivo o in accomandita semplice sono soggetti alla sanzione quando le richieste sono effettuate oltre il termine di 30 giorni dall'atto costitutivo o dalla modificazione dei patti sociali, così come previsto dagli artt. 2296, 2300, 2315 c.c.
  • gli amministratori, i liquidatori, i sindaci, il notaio (a seconda di chi è per legge il soggetto obbligato alla domanda), per le società di capitali e per le cooperative, sono soggetti alla sanzione quando le richieste sono effettuate oltre il termine prescritto dalla legge
  • gli amministratori dei consorzi sono soggetti alla sanzione quando la richiesta di iscrizione o di modificazione dell'atto costitutivo sono effettuate oltre il termine di 30 giorni stabilito dall'art. 2612 c.c. o quando la situazione patrimoniale è depositata oltre il termine di due mesi dalla chiusura dell'esercizio
  • i preposti alla sede secondaria di società estere sono soggetti alla sanzione quando le richieste di iscrizione o di modificazione di dati relativi alla sede nella provincia sono effettuate oltre il termine di 30 giorni dal deposito dell'atto presso un notaio o di 45 giorni dalla data dell'atto
  • i legali rappresentanti di Enti pubblici economici sono soggetti alla sanzione quando le richieste di iscrizione o di modificazione dell'atto sono effettuate oltre il termine di 30 giorni stabilito dall'art. 12 D.P.R. 581/95
  • il rappresentante comune degli obbligazionisti è soggetto alla sanzione quando la richesta di iscrizione della sua nomina è effettuata oltre il termine di 30 giorni stabilito dall'art. 2417 c.c.

In tutti i casi in cui la violazione è commessa dal rappresentante di una persona giuridica, quest'ultima è tenuta in solido al pagamento della somma dovuta dall'autore della violazione; questo comporta la notifica del verbale di accertamento anche alla società, che potrà effettuare il pagamento liberatorio qualora l'obbligato principale non vi provveda (art. 6 legge 24.11.1981, n. 689).

L'entrata in vigore del nuovo diritto societario ha sensibilmente modificato la casistica di adempimenti ti assoggettati a termine, e quindi a sanzione. Non sono soggetti a termine:

  • conferimento di poteri con verbale di consiglio senza attribuzione nuove cariche
  • cessazione di amministratori in assenza di collegio sindacale
  • cessazione di amministratori nelle s.r.l. (nuovo diritto societario)
  • offerta di azioni in opzione, offerta di obbligazioni convertibili
  • nomina, conferma e cessazione dell'organo di controllo contabile (nuovo diritto societario)
  • comunicazione di traferimento sede nell'ambito dello stesso comune per società di persone e di capitali (nuovo diritto societario)
  • rettifiche ed integrazioni di precedenti iscrizioni e depositi RI, compreso il deposito di bilancio
  • variazione indirizzo di sede per variazione toponomastica
  • emissione di prestito obbligazionario
  • comunicazione di riduzione del capitale sociale deliberato per mancata sottoscrizione, nel termine previsto, delle azioni o delle obbligazioni
  • comunicazione di patti parasociali in società non quotate
  • trasferimento di quote di s.r.l. mortis causa
  •  pignoramenti e sequestri di partecipazioni in s.r.l.
  • deposito di statuto aggiornato
  • scioglimento di società di capitali con dichiarazione degli amministratori
  • deposito del bilancio finale di liquidazione
  • istanza di cancellazione di società
  • conversione del capitale sociale con procedimento semplificato

Per dettagli, consultare la Guida alle sanzioni RI e REA sotto allegata.