Cittadini extracomunitari

L'articolo 26, commi 5 e 6, del D.Lgs. 286/1998 ("Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e le norme sulle condizioni dello straniero"), e l'art. 39 del D.P.R. 394/1999 ("Regolamento recante norme di attuazione del Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e le norme sulle condizioni dello straniero") così come modificato dall'art. 36 del D.P.R. 334/2004 e successive modificazioni,dispongono in merito ai procedimenti amministrativi relativi ai soggetti extracomunitari che intendono svolgere attività di lavoro autonomo ed imprenditoriale in Italia.

  • nel caso in cui l’attività sia sottoposta ad autorizzazione, licenza, ecc. l’attestazione deve essere rilasciata dalla competente amministrazione (per esempio: per l’attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche la competenza è del Comune in quanto è l’ente che rilascia la necessaria autorizzazione all’esercizio dell’attività)
  • nel caso in cui si intenda svolgere un’attività libera – cioè non soggetta a titolo autorizzatorio da parte di altri enti - l´attestazione viene rilasciata dalla Camera di Commercio o dall'Albo imprese artigiane; in questo caso, è necessario presentare apposita domanda in bollo da euro 16,00 alla Camera di Commercio col modello sotto allegato

La Camera di Commercio è competente al rilascio, a seguito di istanza dell'interessato:

  •  di una Attestazione dei parametri di riferimento riguardanti le risorse finanziarie che lo straniero, che intenda far ingresso nel territorio dello Stato, ovvero sia già presente in Italia, in possesso di regolare permesso di soggiorno diverso da quello che consente l'esercizio di una attività lavorativa, deve dimostrare per avviare un'attività di lavoro autonomo a carattere imprenditoriale per la quale è prevista l'iscrizione al Registro delle Imprese
  • di Dichiarazione (o nulla osta) che non sussistono motivi ostativi al rilascio del titolo abilitativo o autorizzatorio richiesto dallo straniero che intenda svolgere in Italia una attività di lavoro autonomo per la quale è previsto il possesso di una autorizzazione, o licenza, o l'iscrizione in un apposito Registro o Albo, ovvero la presentazione di una dichiarazione o denuncia ed ogni altro adempimento amministrativo, per i quali la Camera Valdostana delle imprese e delle professioni è individuata, da norme di legge o regolamentari, quale Autorità amministrativa competente

Iter

  1. Le domande di rilascio della Dichiarazione e dell'attestazione dei parametri di riferimento devono essere presentate in bollo presso la Camera di Commercio della provincia in cui si intende svolgere l'attività lavorativa autonoma, utilizzando i modelli sotto allegati.
  2. Qualora il cittadino extracomunitario non sia in Italia, le predette domande dovranno essere presentate da un procuratore, che firmerà i modelli contenenti le istanze allegando un suo documento di identità in corso di validità. E' necessario allegare la fotocopia della procura previa esibizione dell'originale. La procura deve essere tradotta in lingua italiana e legalizzata dall’autorità diplomatica italiana all’estero.
  3. La Camera di Commercio, verificata la regolarità della domanda e della relativa sottoscrizione, esegue, previo accertamento dei requisiti previsti, gli adempimenti procedimentali per l'adozione del provvedimento iscrittivo, abilitante, ovvero autorizzatorio corrispondente a quello per il quale è richiesta la Dichiarazione, e procede all'astratta individuazione delle risorse economiche necessarie per l'esercizio della specifica attività in caso di richiesta della corrispondente attestazione.
  4. Il parametro finanziario, definito di volta in volta dal Dirigente d'Area competente per il rilascio della Dichiarazione, ovvero dal Conservatore del Registro Imprese a seconda della natura delle varie attività, corrisponderà alla sommatoria dei seguenti ordini di costi o spese connessi all'esercizio dell'attività d'impresa:
    a) costi per immobili (acquisto o locazione)
    b) costi per macchinari ed impianti
    c) costi per attrezzature
    d) costi per l'avviamento della attività
    e) costi legati ad adempimenti amministrativi e pagamento di tasse e imposte
    f) costi diversi (contratti di fornitura – scorte, ecc…)
    g) capitalizzazione, su base annua, di un importo mensile pari all'assegno sociale
  5. Il termine per la conclusione del procedimento di rilascio della Dichiarazione e dell'Attestazione è fissato in giorni 30 dalla data di ricevimento della relativa istanza.

Normativa di riferimento
Articolo 26 del D. lgs. 286/1998
Articolo 39 del D.P.R. 394/1999

Contatti
Registro delle imprese
Regione Borgnalle 12
11100 Aosta
fax: 0165 573010
Tel. 0165/573016-3018
e-mail: registro.imprese@ao.camcom.it

Referenti 
Conservatore del registro delle imprese
Claudia Nardon
Dirigente Area Anagrafica, studi, ambiente e risorse umane
Claudia Nardon
Responsabile dell'istruttoria
Katia Butelli

Orario di apertura al pubblico
Dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 14,00.

ALLEGATI

  1. Domanda per rilascio Nullaosta
    Modello per la richiesta di Dichiarazione di non esistenza di motivi ostativi al rilascio del titolo abilitativo o autorizzatorio
  2. Domanda per rilascio Attestazione
    Modello per la richiesta di attestazione dei parametri economico-finanziari per l'esercizio di un'attività