• Home
  •  Comunicati
  •  Nel 2019 è aumentato il numero di iscrizioni ma il saldo delle imprese resta negativo
 

Nel 2019 è aumentato il numero di iscrizioni ma il saldo delle imprese resta negativo

29 gennaio 2020
La Chambre Valdôtaine informa che lo stock di imprese registrate in Valle d'Aosta al 31 dicembre 2019 è di 12.318 unità, con un calo del 0.3% rispetto allo stesso periodo del 2018 (la diminuzione rispetto al 2017 era stata dell'1,2%).

La dinamica di iscrizioni e cancellazioni evidenzia un saldo ancora negativo (-11 imprese). Infatti, a fronte di un aumento di nuove imprese (711 contro le 700 del 2018) si registra un aumento anche delle cancellazioni volontarie, che si attesta a 722 contro le 703 registrate al termine del 2018.

Tali dati evidenziano un tasso di crescita del -0.09% in peggioramento rispetto al -0.02% del 2018 ma superiore al -0,11% del 2017 (Il tasso a livello nazionale è dello 0,44% contro lo 0,52% del 2018).

Analizzando i differenti settori economici, si evidenzia ancora un lieve calo del settore del commercio (-0.2% contro il -3% del 2018) e delle costruzioni (-0.3% contro il -1.5% del 2017). Calo dello 0,3% anche per il settore agricolo, mentre rimane costante il numero di imprese operative nel settore industriale.

Segno positivo, invece, per il comparto turistico, che registra una crescita del 2,5% rispetto al 2018, con aumento di 45 nuove imprese.

Dal punto di vista delle forme giuridiche si segnala la crescita del numero delle società di capitale (+2.9% rispetto allo +0,9% registrato nel 2018). Più rallentata appare invece la diminuzione delle imprese individuali (-0.3% contro il -0.5% del 2018).

Per quanto riguarda il comparto artigianale lo stock registrato al termine del 2019 è di 3.597 imprese con un calo di 23 unità (nel 2018 erano state 52). Il calo più significativo si registra nel comparto edile (-1.3% contro il -2,2% dello scorso anno).

"I dati riferiti al 2019 - spiega il Presidente della Chambre Nicola Rosset - confermano che le difficoltà per il comparto imprenditoriale valdostano sono ancora presenti. Se da una parte è certamente positivo il trend del settore turistico, vediamo che commercio, costruzioni e agricoltura, seppur in maniera inferiore rispetto allo scorso anno, registrano ancora dati negativi che non possono che preoccupare. In questo senso la complessa situazione del quadro politico regionale e nazionale non è certamente un aiuto. Le imprese necessitano, infatti, di certezze nelle strategie di sostegno e di sviluppo che possano permettere da una parte di pianificare la propria attività, dall'altra di incentivare la nascita di nuove realtà imprenditoriali".