Campagna deposito bilanci 2017

 

Novità 2017


Dal 2017 è in vigore la nuova tassonomia ver. 2016-11-14 (Gazzetta Ufficiale nr. 7 del 10 gennaio 2017), che consente di depositare in formato XBRL i bilanci redatti secondo le disposizioni di cui al d.lgs. 139/2015 (entrata in vigore il 1° gennaio 2017). Per i bilanci chiusi il 31 dicembre 2016 o successivamente, la tassonomia da utilizzare per la formazione delle istanze XBRL è la versione “2016-11-14”, disponibile nel sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale (Agid)

La principale novità è rappresentata dall’introduzione della nuova classe di imprese,  “Bilancio delle micro-imprese” (art. 2435-ter c.c.) disciplinandone i contenuti, e deve essere utilizzata obbligatoriamente per i bilanci chiusi il 31 dicembre 2016 o successivamente.

 

Anche i consorzi e i contratti di rete con soggettività giuridica che chiudono l'esercizio al 31 dicembre 2016 dovranno depositare la situazione patrimoniale entro martedì 28 febbraio 2017, utilizzando  obbligatoriamente la nuova tassonomia

SI RICHIAMA L’ATTENZIONE SUI SEGUENTI PUNTI:

 

Gli atti e i documenti che compongono la pratica possono essere sottoscritti SOLO con una delle modalità di cui alla griglia reperibile in calce a questa pagina.

Modalità di trasmissione e modulistica sono reperibili nel manuale Unioncamere scaricabile in calce a questa pagina.


Termini

Il bilancio e l’elenco soci (nel caso di SPA e SAPA), devono essere depositati presso il Registro delle Imprese entro 30 giorni dall’approvazione del bilancio stesso, ai sensi dell’art. 2435 del Codice civile.

 

N.B. Si ricorda che nel 2017 il termine di 120 giorni per la convocazione dell'assemblea sarà considerato martedì 2 maggio 2017 (in quanto il 30 aprile e il primo maggio sono festivi)


Per quanto riguarda le dichiarazioni di conformità da apporre in calce ai documenti, si raccomanda di seguire le istruzioni contenute nella griglia excel che è disponibile in questa pagina.


Si informa che l’Ufficio depositi bilanci, per ragioni organizzative connesse all’elevato numero di pratiche presentate in questo periodo, esaminerà singole richieste di apertura di correzione o annullamento di pratiche di bilancio compatibilmente con l’esame in ordine cronologico delle istanze

 

Costi 2017

 

Diritti di segreteria

Bilancio di esercizio ed elenco soci – Euro 62,70

Bilancio di esercizio cooperative sociali – Euro 32,70

Deposito elenco soci - Euro 62,70

Depositi a rettifica - Euro 62,70


Imposta di bollo   euro 65,00

 

Per le pratiche soggette al pagamento dell'imposta di bollo, gli estremi di tale autorizzazione devono essere indicati nella distinta di presentazione (bollo assolto all'entrata) nel modo seguente: "Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite la Camera Valdostana delle imprese e delle professioni di Aosta autorizzata con prov. Prot. n. 4001 del 27/05/2005 dell'Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale della Valle d'Aosta".

 

Per gli atti esclusi dall'imposta di bollo, l'esenzione va indicata nella distinta di presentazione

Le cooperative sociali sono esenti dal pagamento dell'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27-bis dell' Allegato B al D.P.R. 642/1972.


Casi Particolari


  • Reinvio di una pratica telematica a sostituzione di un'altra (non ancora evasa) conseguente ad una precisa richiesta da parte dell'Ufficio. In questo caso, è necessario che venga ritrasmessa, nuovamente  e correttamente, l'intera pratica, con l'indicazione nel riquadro "XX - note" che trattasi di "deposito a rettifica e sostituzione dell'invio n. ............. del ..................".

  • Deposito bilancio a rettifica per protocolli già evasi. L' operazione di deposito di un bilancio a rettifica, di uno già regolarmente annotato, presuppone la presentazione di una nuova istanza, completa di tutta la documentazione presentata in precedenza e deve indicare nel riquadro "XX -note" che trattasi di deposito a rettifica, nonché del numero di protocollo assegnato al primo deposito. Sono dovuti i normali diritti e bolli previsti dalla vigente normativa.

  • Società in liquidazione. Le società in liquidazione non sono tenute alla presentazione del bilancio iniziale di liquidazione, ma unicamente del bilancio annuale per il periodo corrispondente al normale esercizio della società secondo quanto stabilito dal nuovo art. 2490 C.C. (n.b. in questa circostanza si tenga conto che dovrà essere allegato il documento previsto dal comma 3 dell'art. 2487-bis C.C.). Esempio: se la società è entrata in liquidazione il 01.02.2014 e, al termine dell' esercizio sociale (31.12.2014), la fase della liquidazione non si è ancora conclusa, il liquidatore dovrà presentare il bilancio riferito all' intero esercizio sociale (1.1.2014 - 31.12.2014), anche se fiscalmente la normativa è differente. Qualora, nel nostro esempio, la data di chiusura del Bilancio Finale di Liquidazione coincidesse con il 31.12.2014 o fosse precedente, la società dovrà unicamente presentare la modulistica prevista per tale adempimento: non andrà, assolutamente, presentato il modello "B". A tal proposito, si tenga presente che il deposito del Bilancio Finale di Liquidazione deve essere effettuato con il Modello "S3". Relativamente alle modalità di presentazione del Bilancio Finale di Liquidazione si vedano le istruzioni presenti sul nostro sito camerale nella sezione "Registro Imprese" -> "Società" ->"Scioglimento, Liquidazione e Cancellazione".

  • Trasformazione di società di capitali in società di persone. Le società di capitali che iscrivono l' atto di trasformazione in società di persone prima dell' approvazione del bilancio, non sono tenute al deposito dello stesso, in quanto manca l' organo necessario per l' approvazione del bilancio.

  • Trasformazione di società di persone in società di capitali. Sono tenute al deposito del bilancio in relazione alla chiusura del primo esercizio, in virtù di quanto stabilito dallo statuto sociale ovvero dall'atto di trasformazione.

  • Bilanci non approvati. Trattandosi in realtà di una "proposta di bilancio" e non essendo previsto nessun adempimento pubblicitario per il documento in oggetto, il relativo deposito non va effettuato.

  • Società di capitali cancellate in seguito ad atto di fusione o per scissione totale. Le società di capitali che cessano per fusione o per scissione totale prima dell' approvazione del bilancio, non sono tenute al deposito dello stesso, in quanto manca l' organo necessario per l' approvazione del bilancio.

  • S.N.C. e S.A.S. Le società in nome collettivo e le società in accomandita semplice devono redigere e pubblicare il bilancio consolidato come disciplinato dall' art. 26 del D.lgs. 127/1991 in presenza dei presupposti ivi previsti (art. 111-duodecies disp. att. D.lgs. 6/2003).

  • Patrimoni destinati ad un unico affare (art. 2447septies). Le società che costituiscono uno o più patrimoni destinati ad uno specifico affare (art. 2447-bis cc), devono redigere, per ciascun patrimonio, un rendiconto separato alla data di chiusura dell' esercizio, allegato al bilancio indicandone la relativa data, secondo quanto previsto dagli artt. 2423 cc e seguenti.

  • Società soggette a direzione e coordinamento (art. 2497bis). Le società soggette all'altrui attività di direzione e coordinamento (art. 2497 cc) devono esporre, in apposita sezione della nota integrativa, un prospetto riepilogativo dei dati essenziali dell'ultimo bilancio della società o dell'ente che esercitano su di esse l' attività di direzione e coordinamento, indicando come data quella della chiusura dell'esercizio.

     

    Contatti
    Registro delle imprese

    Regione Borgnalle, 12

    11100 Aosta

    fax: 0165 573010

    Tel. 0165 573014

    e-mail: registro.imprese@ao.camcom.it

     

    Referenti
    Conservatore del registro delle imprese

    Claudia Nardon

Responsabile dell’istruttoria
Alessandra Oreiller