Deposito Bilanci ed Elenco soci 2019

Campagna deposito bilanci 2019

Da febbraio 2019 è disponibile il “Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI che Unioncamere ha predisposto per la Campagna bilanci 2019, al fine di agevolare le società e i professionisti nell’adempimento dell’obbligo di deposito del bilancio.

Il Manuale indica in modo chiaro e completo la procedura per l’invio telematico del bilancio d’esercizio con il servizio web Bilanci on-Line e FedraPlus 6.93.04

Illustra l’intera modulistica elettronica per il deposito di bilanci ed elenco soci 2019 al registro imprese.

 

MODALITA’ di PRESENTAZIONE del BILANCIO

 

Il deposito del bilancio e dell’elenco soci NON rientrano tra gli adempimenti compresi nella COMUNICAZIONE UNICA .

Il deposito del bilancio finale di liquidazione, a differenza del bilancio annuale, rientra tra gli adempimenti compresi della Comunicazione Unica e pertanto non è contemplato nella guida.

  TERMINI di PRESENTAZIONE del BILANCIO

Si ricorda che il termine di presentazione del bilancio, con i relativi allegati, al Registro delle Imprese territorialmente competente, è fissato in :

  • 30 giorni dalla data di approvazione del bilancio stesso (art. 2435 C.c.).

    per i bilanci di esercizio delle società di capitali e delle società cooperative;

     

  • entro due mesi dalla chiusura dell’esercizio, per le situazioni patrimoniali;

     

  • contestualmente al deposito del proprio bilancio di esercizio, per i bilanci consolidati i quali devono essere depositati dalle società controllanti (art. 42 del D.lgs. 127/91) o dalle società controllate (che si avvalgono dell’esonero ai sensi dell’art. 27, commi 3 e 5, del D.lgs. 127/91);

Al fine del computo del termine, in qualsiasi caso, il sabato e la domenica vengono considerati giorni festivi e quindi si considera tempestivo il deposito effettuato il primo giorno lavorativo successivo (art. 3 DPR 558/99)

Per espressa previsione di legge, l’assemblea ordinaria deve essere convocata almeno una volta all’anno, entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio, oltre tale termine, ma entro 180 giorni, qualora lo Statuto lo consenta,  nel caso di società tenute alla redazione del bilancio consolidato, ovvero quando lo richiedono particolari esigenze relative alla struttura ed all’oggetto della società: in questi casi gli amministratori segnalano nella relazione prevista dall’art. 2428 le ragioni della dilazione. (seduta del … deserta)


LA TASSONOMIA XBRL

La nuova tassonomia da utilizzare per la formazione delle istanze XBRL per il 2019 è la nuova versione “2018-11-04”, secondo la comunicazione del Ministero dello Sviluppo Economico pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 6 dell’8 gennaio 2019.

Da mercoledì 23 gennaio 2019 i nostri sistemi saranno adeguati per gestire la nuova tassonomia e per rifiutare le precedenti versioni di tassonomia non più valide: alle già dismesse versioni 2009-02-16, 2011-01-04, 2014-11-17 si aggiunge la versione 2016-11-14.

Tutti i bilanci relativi ad esercizi con data inizio anteriore al 1/1/2016 (ante D.Lgs n. 139/2015) potranno avvalersi della tassonomia 2015-12-14, coerente alla precedente normativa.

Sono tre le principali differenze, tutte relative alla nota integrativa, fra la Tassonomia PCI_2018-11-04 e la precedente PCI_2017-07-06:


  1. in primis la suddivisione in più campi testuali della sua parte iniziale;

  2. una sezione ad hoc dedicata alle cooperative;

  3. l’introduzione dell’informativa per i cosiddetti contributi pubblici.


Nessuna novità, invece, sia per gli schemi quantitativi del bilancio d’esercizio che per il tracciato del consolidato.

Di seguito, sono indicate le tassonomie valide per l’esercizio di riferimento in funzione della data di inizio e fine (esercizio):


Inizio esercizio prima del 1/1/2016

 versione 2015-12-14

 

 

Chiusura esercizio
prima del 31/12/2018

Chiusura esercizio
dal 31/12/2018 in poi

Inizio esercizio dal 1/1/2016 in poi

Versione 2017-07-06 (utilizzabile fino al 31.12.2019) o versione 2018-11-04

Versione 2018-11-04  o versione 2017-07-06(quest’ultima utilizzabile fino al 28.02.2019)


CHI PUO’ PRESENTARE  DOMANDA di  DEPOSITO del BILANCIO e QUALI


DICHIARAZIONI DEVONO ESSERE APPOSTE


 La domanda di deposito del bilancio può essere presentata alternativamente:


1) da un amministratore o dal liquidatore della società (soggetto obbligato ai sensi dell’art.2435 c.c.)

2) da un professionista incaricato (soggetto legittimato ai sensi dell’art. 31, commi 2 quater e 2 quinquies, della legge 340/2000)

3) da un procuratore speciale / delegato (vedi modello procura in calce alla pagina), delegato dall’amministratore o dal liquidatore della società, cui sia stata conferita procura speciale, ai sensi dell’art. 38, comma 3-bis del DPR 445/2000, sottoscritta autografamente dall’amministratore o liquidatore e corredata dal documento di identità del medesimo soggetto conferente procura.


INDICAZIONI SUL DEPOSITO DEL BILANCIO RETTIFICA di BILANCI DEPOSITATI


Ogni eventuale rettifica al bilancio o ai suoi allegati già depositati presso il Registro delle Imprese comporta un nuovo integrale deposito, compreso un nuovo verbale di assemblea che approva il bilancio corretto (pag. 45 guida 2019).

Il nuovo deposito deve essere eseguito con le stesse modalità del primo, ed è soggetto al pagamento dei consueti diritti di segreteria di deposito bilancio e dell'imposta di bollo. Dovrà indicarsi nel quadro note, una dicitura del seguente tenore: "A rettifica del deposito effettuato in data ..... al prot. n. .….".

Attenzione: Il deposito a rettifica non sostituisce il precedente deposito, entrambi rimangono visibili nella posizione anagrafica della società.

Il nuovo deposito va eseguito nel termine di 30 giorni dalla data di approvazione del bilancio rettificato.

 

DIRITTI di SEGRETERIA e IMPOSTA di BOLLO

Gli importi dei diritti di segreteria dovuti con il deposito dei bilanci presso il Registro delle Imprese, restano invariati rispetto al 2018.

Si conferma anche nel 2019 al maggiorazione di 2,70 euro che riguarda le voci 2.1 e 2.2 della Tabella A allegata al decreto 17 luglio 2012 in particolare:

- € 62,70 con modalità telematica, o in alternativa € 92,70 su supporto informatico
- € 65,00 imposta di bollo.

Cooperative Sociali (sono considerate tali solo se risulti la regolare iscrizione all'apposita sezione dell'Albo Cooperative al momento del deposito del bilancio):
- € 32,70 con modalità telematica, o in alternativa € 47,70 su supporto informatico
- imposta di bollo non dovuta.

Le imprese iscritte nella sezione di start-up innovative sono esenti da diritti e imposta di bollo, mentre le pmi sono soggette solo ai diritti di segreteria di € 62,70.

I depositi a rettifica di bilanci già depositati sono soggetti agli ordinari diritti di segreteria (€ 62,70) e all’imposta di bollo (€ 65,00)

Per quanto riguarda le dichiarazioni di conformità da apporre in calce ai documenti, si raccomanda di seguire le istruzioni contenute nella griglia excel che è disponibile in questa pagina, al fine di presentare le domande in modo corretto e consentire all’Ufficio una rapida istruttoria ed evasione delle domande stesse, nonché le istruzioni contenute nel Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al registro imprese – Campagna bilanci 2019.

N.B. : Si informa che l’Ufficio depositi bilanci, per ragioni organizzative connesse all’elevato numero di pratiche presentate in questo periodo, esaminerà singole richieste di apertura di correzione o annullamento di pratiche di bilancio compatibilmente con l’esame in ordine cronologico delle istanze.


Contatti
Registro delle imprese

Regione Borgnalle, 12
11100 Aosta
Tel. 0165 573014

 

e-mail: registro.imprese@ao.camcom.it


Referenti
Conservatore del registro delle imprese

Claudia Nardon

C2 - Segretario
Alessandra Oreiller