CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA ATTIVA (MID) DIRETTIVA 2004/22/CE ALL. MI-003

 

Il Decreto ministeriale 24/03/2015, n. 60, stabilisce che i contatori di energia elettrica attiva utilizzati per funzioni di misura legale (interesse pubblico, sanità pubblica, sicurezza pubblica, ordine pubblico, protezione dell'ambiente, tutela dei consumatori, imposizione di tasse e di diritti e lealtà delle transazioni commerciali), definiti dall’allegato MI-003 del d.Lgs. 02.02.2007 n. 22, devono essere sottoposti alla verificazione periodica.

 

La verificazione periodica degli strumenti MID è effettuata esclusivamente dai laboratori abilitati.

 

Obblighi del titolare del contatore di energia elettrica attiva

Il titolare del contatore del gas e del dispositivo di conversione (persona fisica o giuridica titolare della proprietà di detti contatori o che, ad altro titolo, ha la responsabilità dell'attività di misura) soggetti all'obbligo di verificazione periodica devono ai sensi dell'art. 12 del d.m. 24/03/2015, N. 60:

  • comunicare entro 30 giorni alla Camera di Commercio competente la data di inizio e di fine dell'utilizzo del contatore e del dispositivo di conversione e gli altri elementi previsti, indicandone l'eventuale uso temporaneo, avvalendosi dell’apposito modello scaricabile in calce a questa pagina.
  • garantire il corretto funzionamento del contatore e di conservarne la documentazione a corredo e il libretto metrologico;
  • mantenere l'integrità dell'etichetta apposta in sede di verificazione periodica e di ogni altro marchio, sigillo, anche di tipo elettronico, o elemento di protezione;
  • curare l'integrità dei sigilli provvisori di cui richiedono l'applicazione al riparatore.

 Verificazione periodica La periodicità della verificazione periodica è la seguente:

Contatori di elettricità elettromeccanici: 18 anni

 

Contatori di elettricità statici

  • bassa tensione (BT fra 50 V e 1000 V) di classe di precisione A,B,C: 15 anni
  • media e alta tensione (MT-AT maggiore di 1000 V: 10 anni

 

Ai sensi del d.m. 24.03.2015, n.60 i contatori di energia elettrica utilizzati per una funzione di misura legale,sono sottoposti alla verificazione periodica secondo le periodicità di cui sopra, che decorrono  dalla data della loro messa in servizio e comunque da non oltre 2 anni dall’anno della marcatura CE. Successivamente la verificazione decorre dalla data dell’ultima verificazione periodica. 

 

ATTENZIONE: ai sensi dell’art.11 del d.m. 24/03/2015, N. 60, Indipendentemente dalla scadenza prevista, la verifica periodica va richiesta anche a seguito di riparazione (che comporti la rimozione dei sigilli) che dovesse rendersi necessaria allo strumento.

 

Controlli metrologici casuali

I controlli metrologici casuali sui sono effettuati dalle Camere di Commercio ad intervalli casuali e senza preavviso, fatte salve le competenze degli organi di polizia giudiziaria abilitati dalle vigenti disposizioni di legge in materia di pesi e misure.

 

Normativa di riferimento

  • decreto legislativo 02.02.2007, n. 22, "Attuazione della direttiva 2004/22/CE relativa agli strumenti di misura"
  • decreto legislativo 19/05/2016 "Attuazione della direttiva 2014/32/UE concernente l'armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di strumenti di misura", come modificata dalla direttiva (UE) 2015/13
  • decreto ministeriale 24.03.2015, n.60 “Regolamento concernente i criteri per l’esecuzione dei controlli successivi sui contatori di energia elettrica attiva, ai sensi del D.Lgs. 02.02.2007, n. 22, attuativo della direttiva 2004/22/CE (MID) e modifiche al decreto 16 aprile 2012, n. 75, concernente i criteri per l’esecuzione dei controlli successivi sui contatori del Gas e i dispositivi di conversione del volume”.